02 February, 2021
# Topics
Follow Us

BioRespira: dall’idea alla realizzazione.

02 February, 2021

Non è semplice immaginare com’era l’Italia a marzo 2020 ora che il peggio sembra essere passato.

Essendo il primo paese occidentale colpito dal coronavirus, SARSCoV-2, non c’erano conoscenze o modelli sufficienti da seguire. Gli ospedali della regione settentrionale sono stati presi d’assalto da pazienti con COVID-19 che lottano per respirare e i medici non hanno potuto fare altro che si affidano a trattamenti e attrezzature già esistenti utilizzati per combattere le difficoltà respiratorie. Le unità di terapia intensiva e i ventilatori meccanici che richiedono l’intubazione sono diventati le cure più ampiamente applicate.

Dott. Ghidini, appena venuto a conoscenza della situazione, si è recato dall’amico Dott. Nicola Petrucci, Primario di Terapia Intensiva dell’Ospedale di Desenzano del Garda per donare le mascherine N95 forte>. L’ospedale aveva rapidamente esaurito la fornitura di dispositivi di protezione individuale per medici e infermieri.

Non appena il dott. Ghidini ha visto cosa stava realmente succedendo, ha chiesto cos’altro poteva fare per aiutare. Il dottor Petrucci non aveva dubbi su cosa potesse davvero aiutare in quel momento: non avevano abbastanza ventilatori o letti in terapia intensiva per i pazienti che soffrivano di distress respiratorio causato da COVID-19. Più specificamente, stava cercando di trovare ventilatori ad alto flusso per prevenire l’alto tasso di intubazioni.

Ecco perché Dott. Ghdini ha convocato il team IBD e ha detto loro cosa voleva realizzare: un’apparecchiatura non invasiva specificamente progettata per combattere le conseguenze mortali del SARSCoV-2. La tempistica era impegnativa perché il Dr. Ghdini voleva un prototipo funzionante in 5 settimane, altrimenti sarebbe stato troppo tardi.

ing. Visotti, che in precedenza lavorava in un’azienda che produce aspiratori chirurgici, ha subito attivato la sua rete e ha iniziato a lavorare al progetto.

È stata lanciata una campagna GoFundMe per raccogliere i 20.000 euro necessari per lo sviluppo e la risposta è stata impressionante. La campagna ha raggiunto l’obiettivo e il prototipo funzionante del ventilatore polmonare BioRespira è stato realizzato in sole 5 settimane.

 

Una volta che il dispositivo era pronto, Dr. Ghdini sapeva che avrebbe avuto bisogno di aiuto per le fasi successive: produzione di massa e distribuzione in tutto il mondo. E un partner IBD di lunga data, SECO S.p.A., era quello che poteva fare la differenza. Le risorse di SECO, compresa la produzione di alta qualità, il marketing, le vendite e l’infrastruttura di supporto, avrebbero potuto portare i benefici previsti di BioRespira ai pazienti COVID-19 in tutto il mondo.

Massimo Mauri, CEO di SECO, ha spiegato: “Partnering con IBD per portare BioRespira oltre lo sviluppo iniziale e nella produzione e distribuzione mondiale è stata una decisione facile per SECO< /forte>. La combinazione dell’esperienza SECO con l’innovazione IBD fornisce una soluzione potente e vitale a una crisi mondiale”.

Dott. Ghidini e l’intero team IBD sono riusciti nel loro intento di fare tutto il possibile per aiutare i pazienti affetti da COVID-19. Quando verrà avviata la produzione, verranno donati 30 ventilatori polmonari BioRespira: le prime unità andranno all’Ospedale di Desenzano del Garda e ulteriori unità verranno donate agli ospedali e strutture di assistenza in tutto il mondo.


In ottemperanza alle disposizioni del Ministero della Salute italiano in materia di pubblicità sanitaria relativa a dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro e dispositivi medico-chirurgici, IBD informa che i contenuti di questo sito sono destinati esclusivamente agli operatori sanitari. La descrizione dei prodotti è solo a scopo informativo e non ha lo scopo di promuoverli.

IBD ITALIAN BIOMEDICAL DEVICES SRL
Via Tasso 14 – 46043 Castiglione delle Stiviere Mantova – Italia | P.IVA 02433320203

Privacy Policy and Cookies

Follow Us

© IBD biomed All rights reserved.